UNESCOOrganizzazione e attivitàStoriaDecadi e giornateLista patrimoniAttualità








  
Lazio

Villa d’Este a Tivoli - Villa d’Este a Tivoli, con palazzi e giardini, è una delle testimonianze più notevoli e complete della raffinata cultura rinascimentale. Il punto di maggior pregio è il giardino con fontane, ninfei, grotte, giochi d’acqua e musiche idrauliche che costituirono un modello più volte emulato nei giardini europei del sedicesimo secolo. Il cardinale Ippolto II d’Este, dopo le delusioni per la mancata elezione pontificia, fece rivivere qui i fasti delle corti di Ferrara, Roma e Fointanebleau. Le sale del Palazzo vennero decorate sotto la direzione di protagonisti del tardo manierismo romano come Livio Agresti, Federico Zuccari, Durante Alberti, Girolamo Muziano, Cesare Nebbia e Antonio Tempesta.

Anno di iscrizione: 2001 - Criteri: C (i) (ii) (iii) (iv) (vi)
Giustificazione: Criterio (i) Villa d'Este è uno tra gli esempi eccellenti della cultura del Rinascimento al suo apogeo.Criterio (ii) I giardini della Villa d'Este hanno profondamente influenzato lo sviluppo e la progettazione dei giardini in tutta Europa.Criterio (iii) I principi del design e dell'estetica del Rinascimento sono illustrati in modo eccezionale dai giardini di Villa d'Este.Criterio (iv) I giardini di Villa d'Este sono tra i primi e i piu' raffinati giardini delle meraviglie e simboleggiano la fioritura della cultura del Rinascimento

La necropoli etrusca di Cerveteri e Traquinia - Questi due grandi cimiteri etruschi riflettono i differenti tipi di pratiche di sepoltura che si sono sviluppate nel corso di nove secoli. Alcune delle tombe sono dei veri e propri monumenti, intagliate nella roccia e arricchite da sculture e dipinti sulle pareti di qualità eccezionale, altre invece sono i tradizionali tumuli. La necropoli vicino Cereteri, conosciuta come Banditaccia, è organizzata come una sorta di città, con vie che si incontrano ad angolo retto.
La necropoli di Traquinia, chiamata Monterozzi, contiene 6000 tombe tagliate nella roccia, famose le oltre 200 tombe di cui sono rimasti conservati gli antichi disegni su roccia.

Anno di iscrizione: 2005 - Criteri: C (ii) (iii) (iv) (vi)